Author : E. Redazione

HomeArticles Posted by E. Redazione (Page 40)
Read More
San Lorenzo Martire - 2017 06 25 - Echi di VITA - N 26 - Splash

Echi Di Vita N°26 – Il PADRE TIENE IL CONTO ANCHE DEI NOSTRI CAPELLI

Non abbiate paura: voi valete più di molti passeri.
Ogni volta, di fronte a queste parole proviamo
commozione. La commozione di immagini che mi parlano
dell’impensato di Dio, che fa per te ciò che nessuno ha fatto, ciò
che nessuno farà. Per dire che tu vali per Lui, che ha cura di te,
di ogni fibra del corpo, di ogni cellula del cuore: innamorato di
ogni tuo dettaglio.
Nemmeno un passero cadrà a terra senza il volere del
Padre vostro.
Eppure i passeri continuano a cadere, gli innocenti a morire, i bambini ad essere venduti a poco più di
un soldo o gettati via appena spiccato il loro breve volo.
Nulla accade senza il Padre, è la traduzione letterale, e non di certo senza che Dio lo voglia. Infatti
molte cose, troppe accadono nel mondo contro il volere di Dio. Ogni odio, ogni guerra, ogni violenza
accade contro la volontà del Padre e tuttavia nulla avviene senza che Dio ne sia coinvolto, nessuno muore
senza che Lui non ne patisca l’agonia, nessuno è rifiutato senza che non lo sia anche Lui, nessuno è
crocifisso senza che Cristo non sia ancora crocifisso.
Quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo sulle terrazze, sul posto di lavoro, nella scuola,
negli incontri di ogni giorno annunciate che Dio si prende cura di ognuno dei suoi figli, che nulla vi è di
autenticamente umano che non trovi eco nel cuore di Dio.
Temete piuttosto chi ha il potere di far perire l’anima, l’anima è vulnerabile, l’anima è una fiamma
che può languire: muore di superficialità, di indifferenza, di disamore, di ipocrisia. Muore quando ti lasci
corrompere, quando disanimi gli altri e togli loro coraggio, quando lavori a demolire, a calunniare, a
deridere gli ideali, a diffondere la paura.
Per tre volte Gesù ci rassicura: Non abbiate paura, voi valete!
Che bello questo verbo! Per Dio, io valgo. Valgo di più, di più di molti passeri, di più di tutti i fiori del
campo, di più di quanto osavo sperare. E se una vita vale poco, niente comunque vale quanto una vita.

Scarica in formato PDF il Giornalino:® – 2017 06 25 – Echi di VITA – N 26

Read More
San Lorenzo Martire ® - 2017 06 18 - Echi di VITA - N 25 - Splash

Echi Di Vita N°25 – NELLA FRAGILITA’ DI DIO LA PIENEZZA DELLA VITA

Una parola scorre sotto tutte le parole di Gesù,
come una corrente sotterranea: «vita».
La risposta è una pretesa perfino eccessiva, perfino
sconcertante: io faccio vivere!
La sorpresa è che Gesù non dice: «Prendete di me la
mia sapienza». Non dice: «Bevete la mia innocenza,
mangiate la santità, la divinità, la giustizia assoluta,
la potenza illimitata».
Dice invece: «Prendete la fragilità, la debolezza, la precarietà, il dolore, l’intensità di questa mia vita».
Il mio Dio è così, conosce i sentimenti, sa la paura e il desiderio, ha pianto, ha gridato i suoi ‘perché’ al
cielo, è stato rifiutato dalla terra. Per questa sua fragilità è il Dio per l’uomo, con il suo dolore è il Dio per la
vita mia fatta di germogli amari.
Quasi un Dio minore, ma è solo così che diventa il «mio» Dio. Non si può giungere alla divinità di Cristo
se non passando per la sua umanità, carne e sangue, corpo in cui è detto il cuore, mani che impastano
polvere e saliva sugli occhi del cieco, lacrime per l’amico, passioni e abbracci, i piedi intrisi di nardo, la casa
che si riempie di profumo e di amicizia, e la croce di sangue.
I verbi ripetuti quasi in una incantatoria monotonia – mangiare, bere – sono innanzitutto il linguaggio
della liturgia del vivere, di una Eucaristia esistenziale, della comunione totale con Cristo.
E tu sei fatto vangelo. E se sei fatto vangelo, senti la certezza che l’amore è più vero dell’egoismo, la
pietà più umana del potere, il dono più divino dell’accumulo.
Io mangio e bevo il mio Signore, quando assimilo il nocciolo vivo e appassionato della esistenza di Gesù
e mi innesto sul suo tronco, che è il suo modo di vivere. Chi fa proprio il segreto di Cristo, costui trova il
segreto della vita.
A questo mi conduce l’Eucaristia domenicale, dove il sublime confina con il quotidiano, l’infinito con il
perimetro fragile del pane e del vino, là Dio è vicino a me che temo la solitudine e il dolore. Se solo lo
accolgo, trovo il segreto della vita.
Viviamo questo giorno, arricchito dalla processione Eucaristica, dalla gioia di una comunità che riscopre
tale segreto e lo comunica testimoniando la sua fede.

Scarica in formato PDF il Giornalino: ® – 2017 06 18 – Echi di VITA – N 25

Read More
San Lorenzo Parrocchia © - ECHI DI VITA 2017 N°24

Echi Di Vita N°24 – CREDIAMO ALL’AMORE DI DIO PER NOI

Un solo Dio in tre persone: Dio non è in se stesso solitudine ma comunione, l’oceano della sua essenza vibra di un infinito movimento d’amore, reciprocità, scambio, incontro, famiglia, festa.

Per questo, l’uomo è creato a immagine della Trinità. E la relazione è il cuore dell’essenza di Dio e dell’uomo. Ecco perché la solitudine ci pesa e ci fa paura, perché è contro la nostra natura. Ecco perché quando amo o trovo amicizia sto così bene, perché è secondo la mia vocazione.

Se mi domandano: tu cristiano a che cosa credi? Giovanni indica una risposta: il cristiano crede all’amore. Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio. Amare equivale a dare. «Dio ha tanto amato». Dio è amore! Noi abbiamo creduto all’amore: ogni uomo, ogni donna, anche il non credente può credere all’amore. Può fidarsi e affidarsi all’amore come sapienza del vivere. È lo stesso amore interno alla Trinità che da lì si espande, ci raggiunge, ciabbraccia e poi dilaga.

Dio ha tanto amato il mondo. Non solo l’uomo, è il mondo che è amato, la terra e gli animali e le piante e la creazione intera. E se Lui ha amato, anch’io devo amare questa terra, i suoi spazi, i suoi figli, il suo verde, i suoi fiori, la sua bellezza. Terra amata.

La festa della Trinità è specchio del mio cuore profondo e del senso ultimo dell’universo. Incamminato verso un Padre che è la fonte della vita, verso un Figlio che mi innamora, verso uno Spirito che accende di comunione le mie solitudini, io mi sento piccolo e tuttavia abbracciato dal suo mistero di amore!

Scarica in formato PDF il Giornalino: © – ECHI DI VITA 2017 N°24

Read More
San Lorenzo Parrocchia © - ECHI DI VITA 2017 N°23

Echi Di Vita N°23 – IL SOFFIO DELLO SPIRITO RENDE UNICI

La casa fu piena di vento, e apparvero loro come lingue di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno. E ognuna accende un cuore, sposa una libertà, consacra una diversità. Lo Spirito dà a ogni creatura una genialità propria, una santità che è unica. In Gesù, Dio ha riunificato l’umanità in un popolo di fratelli.

Nello Spirito fa della mia unicità e diversità una ricchezza. Come due tempi di un solo movimento. Nel Cristo siamo uno, nel soffio dello Spirito siam o unici. Il libro degli Atti narra che gli apostoli quella mattina parevano «come ubriachi»: ebbri, eccessivi, fuori misura. Bisogna essere così per parlare di Cristo, un po’ fuori misura, un po’ incoscienti, un po’ «presi», altrimenti non riscaldi il cuore di nessuno. Ubriachi, ma di speranza, di fiducia, di generosità, di gioia.

Mentre erano chiuse le porte del luogo venne Gesù, alitò su di loro e disse: Ricevete lo Spirito Santo. Negli Apostoli respira ora il respiro di Cristo, quel principio vitale e luminoso che lo faceva diverso, quella intensità che faceva unico il suo modo di amare. Ciò che è accaduto a Gerusalemme, 50 giorni dopo la Risurrezione, avviene sempre, avviene per ciascuno: siamo perennemente immersi in Dio come nell’aria che respiriamo.

A noi che cosa compete? Accogliere questo straordinario respiro di Dio che riporta al cuore Cristo e le sue parole e ci trasforma; accoglierlo, perché il mio piccolo io deve dilatarsi nell’infinito io divino. E poi la missione: a coloro cui perdonerete i peccati saranno perdonati, a coloro cui non perdonerete non saranno perdonati. Il perdono dei peccati è l’impegno di tutti coloro che hanno ricevuto lo Spirito, donne e uomini, grandi e bambini. Allora venga lo Spirito, riporti l’innocenza e la fiducia nella vita, soffi via le ceneri delle paure!

Scarica in formato PDF il Giornalino: © – ECHI DI VITA 2017 N°23

Read More
San Lorenzo Parrocchia © - ECHI DI VITA 2017 N°22

Echi Di Vita N°22 – ASCENSIONE, FESTA DELLA FIDUCIA!

Forza per vivere, energia per andare e ancora andare: la vita dipende da una fonte che non viene mai meno. L’esistenza è attraversata da una forza più grande di noi, che non si esaurirà mai e che fa la vita più forte delle sue ferite.
È il flusso di vita di Cristo, che viene come forza ascensionale, che fa crescere a più libertà, a più consapevolezza, a più amore.
L’Ascensione è una festa difficile: come si può far festa per uno che se ne va? Il Signore non è andato in una zona lontana del cosmo, ma nel profondo, non oltre le nubi, ma oltre le forme: se prima era insieme con i discepoli, ora sarà dentro di loro.

Sarò con voi tutti i giorni, fino alla fine del tempo. Gesù lascia sulla terra il quasi niente: un gruppetto di uomini impauriti e confusi, che dubitano ancora, sottolinea Matteo; un piccolo nucleo di donne coraggiose e fedeli. E a loro che dubitano ancora, a noi, alle nostre paure e infedeltà, affida il mondo.

Ci spinge a pensare in grande, a guardare lontano: il mondo è nostro!

Gesù se ne va con un atto di enorme fiducia nell’uomo. Ha fiducia in me, più di quanta ne abbia io stesso. Sa che riuscirò a essere lievito e forse perfino fuoco; a contagiare di bene il mondo. Ascensione è la festa del nostro destino che si intreccia con la nostra missione: «Battezzate e insegnate a vivere ciò che ho comandato». «Battezzare» non significa versare un po’ d’acqua sul capo delle persone, ma immergere!

Immergete ogni uomo in Dio, fatelo entrare, che si lasci sommergere dentro la vita di Dio, in quella linfa vitale. Insegnate a osservare. Che cosa ha comandato Cristo, se non l’amore? Il suo comando è: immergete l’uomo in Dio e insegnategli ad amare. A lasciarsi amare, prima, e poi a donare amore. Qui è tutto il Vangelo, tutto l’uomo!

Scarica in formato PDF il Giornalino: © – ECHI DI VITA 2017 N°22

Read More
San Lorenzo Martire ® - 2017 05 21 - Echi di VITA - N 21

Echi Di Vita N°21 – IL GIOGO LEGGERO DEI COMANDAMENTI DEL SIGNORE

La prima parola è «se»: se mi amate. Un punto di partenza così libero, così fragile, così fiducioso, così paziente. Non si dice: dovete amarmi. Nessuna minaccia, nessuna costrizione, si può aderire o rifiutare in totale libertà.

Ma, se mi ami, sarai trasformato in un’altra persona, diventerai come me, prolungamento dei miei gesti, eco delle mie parole: se mi amate, osserverete i comandamenti miei. In questo passo del Vangelo di Giovanni, per la prima volta, Gesù chiede esplicitamente di essere amato. Il suo comando finora diceva: Amerai Dio, amerai il prossimo tuo, vi amerete gli uni gli altri come io vi ho amato, ora aggiunge se stesso agli obiettivi dell’amore. Non detta regole, si fa mendicante d’amore, rispettoso e generativo. Non rivendica amore, lo spera.

Ma amarlo cosa comporta? Il brano riporta sette versetti, in cui per sette volte Gesù ribadisce un concetto, anzi un sogno: unirsi a me, abitare in noi. E lo fa con parole che dicono unione, compagnia, incontro, intimità, in una divina monotonia, umile e sublime: sarò con voi, verrò presso di voi, in voi, a voi, voi in me io in voi.

Gesù cerca spazi, spazi nel cuore, spazi di trasformazione: se mi ami diventi come me! Io posso diventare come Lui, acquisire nei miei giorni un sapore di cielo e di storia buona; sapore di libertà, di mitezza, di pace, di forza, di nemici perdonati, e poi di tavole imbandite, e poi di piccoli abbracciati, di relazioni buone e feconde che sono la bellezza del vivere.

Quali sono i comandamenti miei di cui parla Gesù? I comandamenti da osservare sono quei gesti che riassumono la sua vita, che vedendoli non ti puoi sbagliare: è davvero lui. Lui che si perde dietro alla pecora perduta, dietro a pubblicani e prostitute, che fa dei bambini i principi del suo regno, che ama per primo, ama in perdita, ama senza aspettare di essere ricambiato.

Sono questi i comandamenti che confortano la vita! Che bello, allora, vivere i suoi comandamenti e chiedere anche noi, senza paure, di essere amati!

Scarica in formato PDF il Giornalino: Echi di VITA – N 21

Read More
San Lorenzo Martire ® - 2017 05 14 - Echi di VITA - N 20

Echi Di Vita N°20 – IN GESÙ IL CUORE DELL’UOMO TROVA CASA

Non sia turbato il vostro cuore, abbiate fiducia. L’invito del Maestro ad assumere questi due atteggiamenti vitali a fondamento del nostro rapporto di fede: un «no» gridato alla paura e un «sì» consegnato alla fiducia. Due atteggiamenti del cuore che sono alla base anche di qualsiasi rapporto fecondo, armonioso, esatto con ogni forma di vita.

Ad ogni mattino, ad ogni risveglio, un angelo ripete a ciascuno le due parole: non avere paura, abbi fiducia. La fede religiosa poggia sempre sull’atto umano del credere, e se oggi è in crisi, ciò è accaduto perché è entrato in crisi l’atto umano dell’aver fiducia negli altri, nel mondo, nel futuro, nelle istituzioni, nell’amore. In un mondo di fiducia rinnovata, anche la fede in Dio troverà respiro nuovo. Come? Seguendo le tre parole: Io sono la via la verità e la vita.

Io sono la via: la strada per arrivare a casa, a Dio, al cuore, agli altri; una via davanti alla quale non si erge un muro o uno sbarramento, ma orizzonti aperti. Io sono la verità: non in una dottrina, né in un libro, né in una legge migliori delle altre, ma in un «io» sta la verità, in Gesù, venuto a mostrarci il vero volto dell’uomo e il volto d’amore del Padre.

Io sono la vita. La mia vita si spiega con la vita di Dio. Nella mia esistenza più Dio equivale a più io. Più Vangelo entra nella mia vita più io sono vivo. Nel cuore, nella mente, nel corpo. E Filippo «Mostraci il Padre, e ci basta». È bello che gli Apostoli chiedano, che vogliano capire, come noi. Filippo, chi ha visto me ha visto il Padre. Guardi Gesù, guardi come vive, come
ama, come accoglie, come muore e capisci Dio, e si dilata la vita.

Vita è, allora, tutto ciò che possiamo mettere sotto questa nome: futuro, amore, casa, pane, festa, riposo, desiderio, pasqua. Per questo spirituale e reale coincidono, fede e vita, sacro e realtà hanno l’identica sorgente. In Gesù il nostro cuore trova pace!

Scarica il Giornalino in Formato PDF: Echi di VITA – N 20

Read More
San Lorenzo Martire ® - 2017 05 07 - Echi di VITA - N 19

Echi Di Vita N°19 – GESU’ IL BUON PASTORE CI CHIAMA PER NOME

Il buon pastore chiama le sue pecore, ciascuna per nome. Non l’anonimato del gregge, ma nella sua bocca il mio nome proprio, il nome dell’affetto, dell’unicità, dell’intimità, pronunciato come nessun altro sa fare.

E le conduce fuori. Il nostro non è un Dio dei recinti chiusi, ma degli spazi aperti, pastore di libertà e di fiducia. E cammina davanti ad esse. Non un pastore di retroguardie, ma una guida che apre cammini e inventa strade, è davanti e non alle spalle. Non un pastore che pungola, incalza, rimprovera per farsi seguire, ma uno che precede e seduce con il suo andare, affascina con il suo esempio.

Io sono la porta. Cristo è passaggio, apertura, porta spalancata che si apre sulla terra dell’amore leale, più forte della morte; più forte di tutte le prigioni (potrà entrare e uscire), dove si placa tutta la fame e la sete della storia (troverà pascolo).

E poi la conclusione: Sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza. Non solo la vita necessaria, non solo la vita indispensabile, non solo quel respiro, quel minimo senza il quale la vita non è vita, ma la vita esuberante, magnifica, eccessiva, vita che dirompe gli argini e sconfina, uno scialo di vita. Pienezza dell’umano è il divino in noi, diventare figli di Dio. Diventare consapevoli di ciò che già siamo, figli, e non c’è parola che abbia più vita dentro; realizzarlo in pienezza.

E questo significa diventare anch’io pastore di vita per il piccolo, per il pur minimo gregge: la mia famiglia, la mia comunità, gli amici, cento persone con nome e volto che Lui ha affidato alle mie cure. La vocazione di Cristo e dell’uomo è quella di essere nella vita datori di vita!

Scarica in formato PDF il Giornalino: Echi di VITA – N 19

Read More
San Lorenzo Martire ® - 2017 04 30 - Echi di VITA - N 18

Echi Di Vita N°18 – CRISTO CAMMINA CON OGNI UOMO…

La strada da Gerusalemme a Emmaus è metafora delle nostre vite, racconta sogni in cui avevamo tanto investito e che hanno fatto naufragio. I due discepoli abbandonano la città di Dio per il
loro villaggio, escono dalla grande storia e rientrano nella normalità del quotidiano. Tutto finito, si chiude, si torna a casa.

Ed ecco Gesù si avvicinò e camminava con loro. Se ne stanno andando e lui li raggiunge. Dio non accetta che ci arrendiamo, Dio non permette che abbandoniamo il campo. I due camminatori ascoltano e scoprono una verità: c’è la mano di Dio posata là dove sembra impossibile, proprio là dove sembrava assurdo, sulla croce. Così nascosta da sembrare assente, sta tessendo il filo d’oro della tela del mondo.

E il primo miracolo si compie già lungo la strada: non ci bruciava forse il cuore mentre ci spiegava le Scritture? Trasmettere la fede non è consegnare delle nozioni di catechismo, ma accendere cuori, contagiare di calore e di passione chi ascolta.

E dal cuore acceso dei due pellegrini escono parole che sono rimaste tra le più belle che sappiamo: resta con noi, Signore, rimani con noi, perché si fa sera. Resta con noi quando la sera scende nel cuore, resta con noi alla fine della giornata, alla fine della vita. Resta con noi, e con quanti amiamo, nel tempo e nell’eternità. No, lui non se n’è mai andato.

Lo riconobbero per il suo gesto inconfondibile: spezzare il pane e darlo. Lui che non ha mai spezzato nessuno, spezza se stesso. Lui che non chiede nulla, offre tutto di sé. E proprio in quel momento scompare. Il Vangelo dice: divenne invisibile. Non se n’è andato altrove, è diventato invisibile, ma è lì con loro. Scomparso alla vista, ma non assente. Anzi, Parola che spiega e interpreta la vita, Pane per la fame di vita.

Read More
18077212_1740588365967780_8565894083082409349_o

PROCESSIONE Venerdì Santo – [Le Foto]

[gallery link="file" columns="4" ids="2207,2208,2209,2210,2211,2212,2213,2214,2215,2216,2217,2218,2219,2220,2221,2222,2223,2224,2225,2226,2227,2228,2229,2230,2231,2232,2233,2234,2235,2236,2237,2238,2239,2240,2241,2242,2243,2244,2245,2246,2247,2248,2249,2250,2251,2252,2253,2254,2255,2256,2257,2258,2259,2260,2261,2262,2263"]

Foto di rosalba Rosati